Memory

Continua a crescere l’offerta ludica di Pinguini e Pesciolini!! Dopo le valigette con i morbidi amici del mare, e il gioco didattico per imparare le allacciature, arriva un grande classico, il memory.

Volevo realizzarlo da tanto, ma come al solito mi trovavo di fronte al grande dilemma: usare il pannolenci, che non amo particolarmente ma è indubbiamente più rapido da lavorare, o rimanere fedele al cotone? E nel secondo caso, come realizzare le coppie di soggetti senza diventare vecchia durante l’impresa?!

Ho deciso che la mia passione per le stoffe con fantasie animalesche poteva tornare utile, e che non era indispensabile che fossi io a realizzare i soggetti. Perché non sfruttare i disegni dei tessuti, magari dei ritagli avanzati da altri progetti?! Materiale ne avevo in abbondanza… E così, ecco il risultato

Due set da dieci coppie di tessere ognuno, uno un po’ femminile, l’altro squisitamente unisex.

Le tessere hanno ovviamente il retro uguale, e sono rinforzate da un tassello interno di jeans (riciclato, inutile dirlo!). Quelle del memory degli animali le ho cucite a macchina, ma poi il suddetto apparecchio è improvvisamente impazzito (senza causa apparente, e con le stesse modalità è tornato in sé qualche giorno dopo) e per le fatine ho dovuto fare a mano, quindi il secondo set è interamente rifinito a punto festone. Il lavoro insomma è stato tanto, quindi non credo che la “scorciatoia” presa sminuisca il valore del prodotto finale. Tra l’altro, visto che compro sempre tessuti con fantasie di cui mi innamoro, poterne riunire diverse in un solo progetto è stato molto divertente!

I memory avevano fatto una prima sortita in occasione del mercatino di natale, ma un po’ in sordina perché non avevo ancora realizzato un contenitore che mi soddisfacesse. Ora invece sono molto contenta dei sacchettini col ricamo a punto croce, e spero che qualcun altro li amerà!

I memory sono disponibili nel mio shop su Etsy. Sulla pagina facebook di Pinguini e Pesciolini trovate anche un album con le foto di tutti i giochi disponibili al momento!

Pinguini a Palazzo!

Due mesi senza pubblicare nulla, che scandalo! Per fortuna ora c’è questo bellissimo appuntamento di Imola che mi obbliga a uscire dal micidiale mix cucito compulsivo + influenze da inizio anno scolastico!

Iniziamo dai dettagli pratici: domenica 13 novembre, dalle 10 alle 20, le sempre ottime donne di ArtigiaMano Handmade Lab organizzano un evento di gran classe all’interno di una cornice d’occasione, il bellissimo Palazzo Sersanti, un edificio del Quattrocento nel cuore di Imola!

Sono davvero impaziente e per prepararmi al meglio a questo evento che mi emoziona molto ho deciso di dedicare questi ultimi giorni a tutto il “contorno”, che di solito confino colpevolmente alle ultime 12 ore. Quindi ho trovato un bel tessuto per le tovaglie e le sto cucendo (anche perché ho un fantastico tavolo nuovo di zecca!!), ho comprato della carta da pacchi e grazie ai tanti tutorial su internet sto preparando i sacchetti regalo… Insomma, sto cercando di darmi un tono!! 😀 Chissà se riuscirò anche a preparare le etichette adesive e a studiare nel dettaglio l’esposizione…

Naturalmente anche buona parte delle creazioni delle ultime settimane sono state pensate per questo evento. Ci tenevo a partecipare alla sfilata che ci sarà nel pomeriggio, e allora ho rimpinguato un po’ le scorte di borsette, aggiungendo anche dei nuovi modelli in pannolenci accando al mio classico format in cotone.

(sì lo so che avevo detto che non amo molto lavorare col pannolenci, ma le borsette invernali fanno eccezione, il mio amico pinguino mi ha detto che sarebbe stato un po’ scomodo sul cotone…)

E poi naturalmente c’è la grande novità di questo Natale, che ho già mostrato altrove e di cui vi parlerò la settimana prossima, promesso!

Primavera artistica

 

Ovvero, come trasformare una semplice cornice di Ikea e un po’ di ritagli sparsi in un fantastico quadretto!

Ok, non sono molto modesta, ma quando hai un’idea in testa da un po’ di tempo e poi, quando finalmente riesci a trovare il tempo per realizzarla, il risultato che ottieni ti rende molto felice, è difficile presentarlo in modo neutro!

Ogni volta che mi avanza un ritaglio di stoffa con una bella stampa, sono incapace di buttarla. Penso sempre che potrò farci un’applicazione, che potrà servire in qualche modo… A Natale avevo fatto dei mini biglietti di auguri, prima ancora avevo decorato dei piccoli portamonete di jeans, ma in realtà quello che volevo realizzare era questo: dei piccoli quadri, un po’ patchwork, un po’ naïf, con un mix di sagome ritagliate e di tessuti fantasia, adatti per la camera dei bambini ma anche per portare un po’ di colore e allegria in altre zone della casa.

Purtroppo in fotografia non rendono molto, ma tanto li ho realizzati in vista di un mercatino a Imola a cui parteciperò esattamente fra un mese: Handmade Village in Fiore. Infatti, i primi che mi sono venuti in mente sono a tema floreale…

Presto vi farò vedere gli altri. Uno, una vecchia conoscenza, devo solo rifinirlo, e poi ho ancora altre due cornici. Per ora!….

Aggiornamento 1° maggio 2017: i quadretti sono disponibili nel mio shop su Etsy!

Riciclando riciclando…

Come ho già avuto occasione di raccontare, sono un’inguaribile accumulatrice, totalmente incapace di buttare qualcosa a meno che non stazioni in casa inutilizzato da almeno dieci anni (e forse neanche allora…). Questo mi ha portato ad ammassare negli anni una quantità indegna di jeans, indumenti famosi per il brutto vizio di rompersi solo in zone critiche, rimanendo invece impeccabili in qualsiasi punto che non sia il cavallo o la cerniera! Una scatola di jeans e altri vestiti con tessuti in ottimo stato mi ha seguito da Roma a Bologna, e dalla prima topaia bolognese alla nuova casa.

Già a Natale avevo usato un po’ di questi jeans per fare le varie decorazioni, e adesso mi sono dedicata a un altro progetto molto ricicloso, usando anche delle lampo di recupero e i ritagli di stoffe utilizzate nei mesi scorsi per varie cose.

E quindi, dopo alcune serate dedicate al punto festone, ecco qui tre begli astuccini, disponibili su ALM!

Sono davvero soddisfatta perché finalmente ho trovato e messo alla prova la famigerata fliselina biadesiva, e devo dire che in effetti le applicazioni così sono facilissime da fare. Forse la tenuta non è perfetta e qualche bordo potrebbe sfilacciarsi un po’, ma basta il ricamo di rifinitura per ovviare al problema.

Insomma, come avete visto, le distrazioni continuano a vincere. E lo faranno ancora, le stoffe estive si sono praticamente catapultate da sole fuori dall’armadio!! Temo che le pochettes dovranno aspettare ancora un bel po’…